I Lavori retribuiti che nessuno vuole fare

09 Ott,2014

work2
Non si trova personale ancora per molte attività in Italia. Lo evidenzia un'analisi, regione per regione, dell'Ufficio studi della Camera di commercio di Monza e Brianza (Sistema Informativo Excelsior 2014).
In Lombardia non non si trovano più lattonieri e stagnini (nel 77,8% dei casi richiesti). E non è facile trovare un tappezziere (71,4%), e con difficoltà si trovano sarti e modellisti (44,4%, vale a dire per un fabbisogno di 180 nuovi addetti 80 figure sono "scoperte"). 
Nel Lazio mancano 270 accompagnatori turistici, in Liguria gelatai e pasticcieri, oltre ai falegnami. In Piemonte le imprese hanno difficoltà nel trovare esperti di pubbliche relazioni e mancano i "pony express". In Trentino Alto Adige si cercano agronomi, e in Veneto ingegneri elettrotecnici, un tecnici della sicurezza e idraulici. Mancano i cuochi in Friuli, Abruzzo e Sardegna.
Gli elettricisti scarseggiano in Puglia e in Toscana, in Emilia Romagna i contabili addetti alle buste paga. Si cercano vasai in Umbria. Nelle Marche si fatica a trovare carpentieri e esperti di marketing.
In Campania scarseggiano i professionisti dell'informatica, tra tecnici programmatori e analisti di software. Fisioterapisti si cercano in Sicilia, in Calabria camerieri e in Basilicata esperti di beni culturali.

Credit: Sistema Puglia.

downloadpdf



Ultima modifica il 09 Ott,2014
You are here:   HomeNewsI Lavori retribuiti che nessuno vuole fare

Questo sito utilizza i cookie per migliorare la tua esperienza di navigazione. Continuando la navigazione nel sito autorizzi l’uso dei cookies: privacy policy.